Rapaport

Il listino dei diamanti di tagliati è il Rapaport Diamond Report.

Negli anni ’70, Martin Rapaport ebbe la geniale intuizione di formalizzare quello che avveniva tutti i giorni nelle sale degli scambi delle 3 Diamond Exchange più importanti dell’epoca: Anversa, Tel Aviv e New York. Fino a quel giorno i prezzi erano ricavati dal mercato locale e quindi quello che era vero ad Anversa, non corrispondeva a New York.Il listino prezzi Rapaport (Rapaport Diamond Report), anche conosciuto come “la lista”, è la fonte di informazioni sui prezzi per il commercio dei diamanti. E’ utilizzato nel Gros Market dei diamanti presso tutte le piazze mondiali , per conoscere le quotazioni settimanali dei diamanti .
Questo listino viene aggiornato ogni giovedì e riporta i prezzi distinguendo i diamanti per categorie secondo il taglio, il colore, la purezza ed il peso
(le celebri 4 “C”: Cut, Color, Clarity, Carat).
Il risultato notevole è che oggi, in ogni parte del mondo, tutti gli operatori accreditati agli scambi sul mercato telematico possono conoscere il valore reale di un diamante, come avviene nelle borse internazionali per le altre materie prime.

R

Solo il 20% dei diamanti estratti ha caratteristiche tali da poter divenire una pietra preziosa, il resto è destinato al settore industriale nelle tecnologie più avanzate.

R

Inoltre solo il 2% del “tagliato”, del mercato commerciale, costituisce i diamanti da investimento, pietre completamente diverse da quelle destinate alla gioielleria: un bene raro e di grande prestigio.

R

Ecco perché questa pietra costituisce la scelta migliore per un investimento e per diversificare il patrimonio, non a caso è considerato dai migliori economisti ed investitori il bene rifugio per antonomasia.